Branca della sismologia che studia gli effetti dei terremoti sul territorio, in particolare sul contesto antropico: centri urbani, singoli edifici e persone. La raccolta di informazioni avviene sia mediante rilievi macrosismici “diretti“ sia attraverso strumenti “indiretti” come telefonate, invio di appositi questionari alle autorità e alle popolazioni delle zone interessate, ecc. Le informazioni sono tradotte in un’“osservazione macrosismica” che consente di attribuire un valore di intensità della scala macrosismica MCS (Mercalli Cancani Sieberg) alle località rilevate.