Che differenza c’è tra codice giallo, codice arancio e codice rosso?

Per molto tempo ogni regione ha gestito le procedure per le attivazioni di Protezione Civile in vista o nell’ attuarsi di una pericolosità di tipo meteorologico ( neve, pioggia, temporali, ghiaccio, vento, mareggiate ..) in modo molto diverso, creando anche, a volte, confusione nei termini e nella percezione del rischio correlato. Fortunatamente, si è iniziato a uniformare le procedure  e le modalità per informare la popolazione e tutti gli altri componenti del Sistema di Protezione Civile.

E’ stato adottato un codice di colore dal verde al rosso: dal verde per una situazione con nessuna criticità prevista e quindi nessun impatto sul territorio e le persone che lo abitano, al rosso dove l’ impatto su territorio e persone può essere elevato, in conseguenza di fenomeni meteorologici o delle ricadute sul territorio di questi, in termini di fenomeni geologici o idraulici.

legenda_nessuno

legenda_basso2legenda_medio legenda_alto

 

Quotidianamente dal Centro Funzionale Regionale  è emesso un  Bollettino di Vigilanza Meteorologica Regionale in cui viene segnalata la possibile presenza di fenomeni meteorologici significativi sulle aree di Vigilanza Meteorologica della Toscana. Cliccando sulla mappa accanto è possibile conoscere il nome della propria area di appartenenza.

I fenomeni meteorologici vengono evidenziati quando si prevede che i medesimi possano superare una determinata soglia di intensità  sull’area di vigilanza meteorologica di interesse. Contemporaneamente viene emesso un Bollettino di Sintesi delle Criticità Regionali che riporta l’emissione o meno di Avviso di Criticità e il riepilogo dei livelli di criticità previsti per il giorno stesso e per il successivo sulle zone di allerta per le diverse tipologie di rischio, con un approfondimento in forma di descrizione testuale degli scenari previsti relativi alla criticità ordinaria (Basso Impatto – Vigilanza).

analizziamoli singolarmente:

legenda_nessuno

 

 

beinformedSituazione generalmente di bel tempo e di condizioni biometeorologiche  ideali.

E’ il momento ideale per Informarsi sugli  rischi che possano interessare la propria abitazione e informarsi su cosa prevede il piano di protezione civile del proprio Comune

Creare un piano di emergenza “familiare” condividendo le informazioni contenute nel piano di emergenza Comunale con i propri familiari, creare uno zaino d’emergenza, creare una rete sociale locale per valutare la necessità di aiuto di familiari e vicini in caso di emergenza. Si pensi ad un disabile o ad un anziano. 

legenda_basso

 

beinfopreparedImpatto locale  o Criticità Ordinaria. NON significa NON accadrà  nulla. Non viene emessa un “Allerta Meteo” ma solo una Vigilanza per Criticità Ordinaria che, a seconda dell’ evoluzione del fenomeno può trasformarsi in una Criticità Moderata e quindi dare l’ avvio a tutte le procedure che il Sistema di Protezione Civile deve porre in essere, oppure tornare ad un livello “verde” di nessuna criticità.

Prendiamo ad esempio la definizione, per il rischio idrogeologico-idraulico, che ne dà la Regione Toscana:

possibili allagamenti localizzati ad opera del reticolo idraulico secondario e/o fenomeni di rigurgito del sistema di smaltimento delle acque piovane con coinvolgimento delle aree urbane più depresse. Possibilità di allagamenti e danni ai locali interrati, di provvisoria interruzione della viabilità, specie nelle zone più depresse, scorrimento superficiale nelle sedi stradali urbane ed extraurbane, possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. Al manifestarsi di eventi intensi, quali temporali accompagnati da fulmini, rovesci di pioggia e grandinate, d’incerta previsione sia spaziale che temporale, gli effetti sul territorio potranno essere localmente anche significativi. 
per la vita quotidiana si traduce in un attenzione maggiorata, una consapevolezza che in caso di fenomeni che per loro natura sono di difficile localizzazione spaziale o temporale come ad esempio i temporali, vi sia una preparazione personale ad affrontarli mettendo in pratica semplici accorgimenti o regole di prudenza.

Essere consapevoli:

Tenersi aggiornati sull’evoluzione delle condizioni meteo attraverso siti istituzionali o di alta qualità professionale.

– Fare attenzione alle attività all’aperto, i fulmini possono scaricare a terra anche molto lontano dalla zona del temporale.

Quindi: la Vigilanza NON è un allerta meteo ma è un invito a prestare attenzione ai mutamenti del tempo e a porre in essere buone pratiche resilienti di protezione civile.

legenda_mediobepreparedIl livello Arancione o di Medio Impatto o Criticità Moderata prevede l’ emissione dell’ Avviso di Criticità Meteorologica o “allerta Meteo”  per i rischi Idrogeologico-Idraulico (pioggia e temporali) , Vento, Neve, Ghiaccio e Mareggiate. I fenomeni pericolosi possono essere diffusi, con possibili danni a strutture e infrastrutture e rischio per la popolazione. 

Essere preparati

E necessario mettere in pratica le norme di autoprotezione per se stessi e per i propri beni.

E’ importante, ad esempio,  seguire le indicazioni dell’autorità di protezione civile locale (Comune) e i canali informativi della viabilità  e Tenersi aggiornati sull’evoluzione delle condizioni meteo attraverso siti istituzionali o di alta qualità professionale.

 

legenda_altobereadyIl livello Rosso o di Alto Impatto o Criticità Elevata prevede fenomeni meteorologici diffusi sul territorio estremamente pericolosi con un alta probabilità di danni rilevanti a strutture e infrastrutture e rischio elevato per la popolazione.

Essere pronti

Come per la criticità Moderata è’ importante, ad esempio,  seguire le indicazioni dell’autorità di protezione civile locale (Comune) e i canali informativi della viabilità  e tenersi aggiornati sull’evoluzione delle condizioni meteo attraverso siti istituzionali o di alta qualità professionale. 

Data la conformazione geologica del nostro territorio è molto importante usare sempre la massima prudenza

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: